European Mind & Metabolism Association

Sei qui: Home
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
Dibattiti : Hot News
  Al di là della scienza: filosofia, considerazoni sulla mente e sul metabolismo.  
Money mouth "La colonna sonora può modificare il comportamento di azzardo" - 25/09/2014 (leggi).

L'acqua nel cervello degli adolescenti rivela i danni della cannabis - 21/08/2013 (leggi).
Gioco d'azzardo, legge più vicina - 9 luglio 2013

Neurobiologia del gioco d'azzardo patologico - 28/3/2013 (leggi)

Viterbo Provincia, ove dilaga il gioco d'azzardo -
1/9/2012

ADHD nei bambini e gioco d'azzardo negli adulti : Il peso sulla società (leggi). 




 
 Estratto dall'articolo scientifico: "La colonna sonora può modificare il comportamento di azzardo" - segnalato da G. Laviola, 25/09/2014

Type of musical soundtrack affects behavior in gambling - Journal: J Behav Addict 2014; 3:102-6 - By: Mentzoni RA, Laberg JC, Brunborg GS, Molde H, Ståle P

Una nozione prevalente suggerisce che la presenza della musica possa influenzare il comportamento dei giocatori d’azzardo, ma esistono a questo proposito soltanto poche prove empiriche. Lo scopo di questo studio era quello di confermare e approfondire le osservazioni esistenti sul gioco d’azzardo e la musica attraverso un esperimento di laboratorio. Un campione non clinico di 101 studenti (72 femmine e 29 maschi) è stato invitato a fare un esercizio di gioco d’azzardo al computer durante il quale era presente una colonna sonora con tempo alto (veloce) o basso (lento). Sono stati valutati la persistenza nel gioco d’azzardo, il tempo di reazione e la valutazione del gioco. La musica a tempo lento era associata con un aumento della persistenza nel gioco d’azzardo in termini di numero complessivo di scommesse piazzate, mentre quella a tempo veloce era associata con un’intensificazione del gioco in termini di una diminuzione del tempo di risposta per ogni scommessa piazzata. Il tipo di musica non era associata con la valutazione del gioco. I risultati migliorano le correnti nozioni mostrando che la musica, sia a tempo lento che veloce, può essere associata con un comportamento più rischioso verso il gioco d’azzardo: la prima incrementando la persistenza nel gioco, la seconda riducendo il tempo di reazione per ogni scommessa. Complessivamente, tali studi suggeriscono che la musica possa avere un effetto significativo sul comportamento del gioco d’azzardo, e questi risultati potrebbero avere implicazioni cliniche nell’educazione dei giocatori nei confronti dei fattori che possono influenzare le loro azioni.


 
L'acqua nel cervello degli adolescenti rivela i danni della cannabis - 21/08/2013

da: Redazione Drog@news - fonte: Neuroscience and Biobehavioral Reviews

immagine rappresentativa della notizia

Lo studio della diffusione delle molecole d’acqua - contenute nel tessuto nervoso cerebrale - è una tecnica d'avanguardia.

Essa permette - infatti - di seguire l’orientamento delle fibre encefaliche e ricostruire in modo tridimensionale la traiettoria dei principali fasci di sostanza bianca. La tecnica di Risonanza Magnetica che permette di studiare la microstruttura del cervello è nota con il nome di “imaging di diffusione” o DWI mentre la ricostruzione 3D delle fibre nervose è possibile mediante tecnica di “tensore di diffusione” o DTI. Un team di ricercatori australiani ha recentemente pubblicato una revisione della letteratura sull’uso di queste tecniche, non invasive, di RM nello studio dell’integrità della microstruttura cerebrale in adolescenti che fanno uso di cannabis. I risultati delle ricerche dimostrano che la sostanza bianca del cervello presenta evidenti anomalie non solo nelle persone adulte con diagnosi di dipendenza da sostanze (SUD) ma anche nei giovani ragazzi che fanno uso di cannabis. Le alterazioni microstrutturali sono presenti soprattutto a livello delle aree di associazione neocorticale, strutture non ancora completamente formate in adolescenza e nelle vie di proiezione talamica. È emersa una relazione tra la dose di droga consumata e le alterazioni rilevate. Il fatto che siano evidenti le anomalie della sostanza bianca cerebrale negli adulti, dimostra e conferma l’ipotesi che il consumo di cannabis ad alte dosi nelle diverse fasi dello sviluppo nervoso, specie in adolescenza, influenza la traiettoria di crescita delle fibre e ne altera la struttura. Gli studiosi concludono sottolineando l’importanza della ricerca in questo ambito di studi e la necessità di potenziare la comprensione delle dinamiche neurotossiche delle sostanze stupefacenti, per meglio comprendere le conseguenze delle anomalie microstrutturali cerebrali riscontrate negli adolescenti che fanno uso di alcol e droghe. Tali anomalie potrebbero inoltre rappresentare un indice predittivo di aumentato rischio per lo sviluppo di una dipendenza da sostanze d’abuso in età adulta.

Baker S.T.E , Yücel M., Fornito A , A systematic review of diffusion weighted MRI studies of white matter microstructure in adolescent substance users. Neuroscience and Biobehavioral Reviews 37 (2013)


 
Gioco d'azzardo "patologico", legge più vicina: scompare il termine "ludopatia" dagli atti pubblici
Fonte: Volotariatoggi.info   --  9 luglio 2013

 ROMA. Il tempo è scaduto, occorre approvare al più presto una legge che regolamenti realmente e in modo rigoroso la diffusione del gioco d'azzardo nel nostro paese. E' questo il messaggio che arriva dall'incontro promosso oggi a Roma da "Mettiamoci in gioco", campagna nazionale contro i rischi del gioco d'azzardo e dal cartello ‘Insieme contro l'azzardo' a cui hanno partecipato numerosi parlamentari di vari schieramenti e diversi esponenti degli enti locali. L'appuntamento - dedicato a Mario Castaldi, il diciottenne suicidatosi qualche giorno fa per la vergogna provocata dall'aver perso i risparmi nel gioco d'azzardo, ultima vittima di un fenomeno fuori controllo - ha permesso di individuare una serie di punti condivisi in vista di una normativa in materia.


 La campagna - promossa da ACLI, ADUSBEF, ALEA, ANCI, ANTEAS, ARCI, AUSER, Avviso Pubblico, CGIL, CISL, CNCA, CONAGGA, Feder-consumatori, FeDerSerD, FICT, FITEL, Fondazione PIME, Gruppo Abele, InterCear, Libera, Shaker - pensieri senza dimora, UISP - ha avanzatoqueste proposte: eliminazione del termine "ludopatia" dagli atti pubblici, da sostituire con il termine, assai più corretto, di "gioco d'azzardo patologico"; divieto di introdurre nuovi giochi con vincite in denaro; completare, entro due mesi, il percorso di inserimento del gioco d'azzardo patologico nei Livelli essenziali d'assistenza garantiti dallo stato; istituzione di un fondo per la prevenzione, cura e riabilitazione finanziato per un terzo dalla riduzione delle somme destinate alle vincite, per un terzo dagli introiti dei concessionari e per un altro terzo dallo stato; impedire l'accesso ai giochi da parte dei minorenni prevedendo l'obbligo di presentazione della tessera sanitaria; stabilire una serie di norme per ridurre drasticamente i messaggi ingannevoli e tutelare i minorenni e le fasce più deboli; assegnare un potere di regolamentazione agli Enti locali rispetto all'esercizio del gioco (autorizzazioni, orari, luoghi...); istituzione di un Osservatorio nazionale sulle dipendenze da gioco d'azzardo patologico presso il ministero degli Affari sociali, a cui devono partecipare anche esponenti dei Sert e del terzo settore più rappresentativo; prevedere attività di formazione specifica per operatori dei Sert, dei Servizi di salute mentale e del privato sociale e, sui rischi dell'azzardo, per gli esercenti dei giochi; definire un complesso di limitazioni, divieti e obblighi connessi ai luoghi del gioco per ridurre i rischi di dipendenza (tempo minima di partita, presenza di orologi nelle sale, limiti per il fumo identici a quelli vigenti in tutti gli altri locali...); armonizzazione del prelievo fiscale per i diversi giochi, oggi tassati in modo spesso radicalmente, e ingiustificatamente, differente.


 "La campagna", ha affermato don Armando Zappolini, portavoce della campagna, "è pronta a cooperare con l'intergruppo parlamentare appena costituito per arrivare ad avere, finalmente, una legge sul gioco d'azzardo degna di questo nome. L'incontro di oggi, così partecipato e intenso, ci fa ben sperare. Anche se l'assegnazione della delega sul gioco d'azzardo ad Alberto Giorgetti rimane una ferita aperta, rispetto alla politica, perché assolutamente inopportuna."


(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.alcolnews.it)


 
Fonte: Italianjournalonaddiction.it
La Neurobiologia del gioco d'azzardo patologico
Gloria Brunori, Andrea Capitelli, Giovanni Serpelloni,Roberto Ciccocioppo


Questo articolo di revisione offre una sintesi aggiornata del lavoro fatto su un argomento di crescente impatto sociale, medico e scientifico quale il gioco d'azzardo patologico (GAP). Anche se il GAP è classificato come un disordine del controllo degli impulsi nel DSM IV, il comportamento di gioco d'azzardo patologico è stato recentemente riconcettualizzato ed è ora considerato una vera e propria dipendenza comportamentale perché presenta notevoli affinità con i disordini di dipendenza da sostanze. Questa ricategorizzazione del problema ha fortemente contribuito a una migliore comprensione dei meccanismi che sono alla base della sua eziologia e mantenimento. In questo articolo sono prima rivisitati l'impatto sociale e gli aspetti epidemiologici del GAP con particolare riferimento alla situazione italiana. Poi, gli aspetti comportamentali caratteristici del disturbo come l'elevata impulsività, i deficit nella capacità di prendere decisioni associate a rischio e la tendenza al comportamento compulsivo sono descritti e discussi nell'ambito di una dettagliata presentazione dei modelli clinici e preclinici comunemente utilizzati nello studio del disordine. Inoltre, sono raccolte le più significative evidenze sperimentali che fanno luce sui meccanismi neurobiologici che regolano il GAP in termini di alterata funzionalità cerebrale ed attività neurotrasmettitoriale. La descrizione del fenomeno è completata da un'attenta rivisitazione degli agenti farmacologici sperimentati finora nel trattamento di questa patologia.


Per leggere l'articolo:

 http://www.italianjournalonaddiction.it/pdf/vol3_1/Rassegna_1.pdf


(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.alcolnews.it)


 
Provincia di Viterbo, dilaga il gioco d'azzardo
Fonte: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo - Viterbo, 1 settembre 2012


Lettera aperta ai Sindaci sul problema del dilagante gioco d'azzardo nel territorio della provincia di Viterbo.


Spettabili Sindaci di questo territorio provinciale,

abbiamo deciso di scrivervi pubblicamente perché il problema che vogliamo rappresentarvi e su cui chiediamo il vostro intervento è diventato dilagante e drammatico per molti vostri concittadini e per molte famiglie. Si tratta del gioco d'azzardo compulsivo, una vera e propria epidemia sociale che si è estesa su tutto il territorio nazionale e che non sta risparmiando le nostre popolazioni e comunità locali.

Per il lavoro di cura che svolgiamo sulle dipendenze patologiche, siamo in contatto quotidiano con persone e famiglie devastate dai debiti accumulati da chi è "caduto" nel vortice del gioco d'azzardo. Gratta e vinci, lotterie, scommesse sportive, slot-machine, video poker, giochi on-line, ecc. sono tutti volti differenti di uno stesso problema di comportamento compulsivo che non fa distinzioni sociali: dalla pensionata che si spende in una mattina tutta la pensione appena ritirata all'Ufficio Postale, al muratore che in tabaccheria con le slot brucia in un pomeriggio il suo salario, dall'imprenditore che ottiene prestiti dalle Finanziarie per poi giocarsi tutto nelle scommesse sportive, alla casalinga che prosciuga i risparmi famigliari, ecc. Il problema è ad alto coinvolgimento famigliare: le conseguenze economiche del gioco d'azzardo compulsivo infatti, investono rapidamente tutto il nucleo famigliare del giocatore che può essere assediato sia dai creditori legali, banche e finanziarie, sia dai famosi "cravattari", cioè usurai che si avvalgono anche di persone/mastini per spaventare e recuperare i soldi prestati. Il coinvolgimento dei famigliari dei giocatori non è però solo di tipo economico: il giocatore può diventare aggressivo se scoperto e messo alle strette dai propri cari che pretendono che smetta di giocare. Liti furibonde, rottura della comunicazione e dei rapporti famigliari, inaffidabilità genitoriale, assenze da casa e dal lavoro, rottura della socialità, irritabilità, sbalzi d'umore, stati di confusione emotiva e cognitiva, attacchi di panico, ecc. sono soltanto alcune delle conseguenze che si verificano a livello individuale e dei rapporti interpersonali.
Per non parlare poi dei problemi d'illegalità constatati dalla Guardia di Finanza in molti esercizi del Paese o la questione del riciclaggio di denaro sporco (mafia, ‘ndrangheda, clan locali, ecc) connesse a queste attività di gioco come denunciato anche recentemente a livello nazionale dall'associazione antimafia "Libera" di don Ciotti nel rapporto "Azzardopoli".
Anche un'importante soggetto economico-datoriale come la Confindustria si è espressa con preoccupazione rispetto al gioco d'azzardo perché responsabile di togliere ingenti risorse alle attività produttive ed imprenditoriali sane e reali, immettendole in circuiti finanziari "opachi", distanti ed immateriali.

Operiamo da due anni in un Gruppo di Auto-Mutuo-Aiuto specifico per giocatori d'azzardo compulsivo e per i loro famigliari che abbiamo avviato a Viterbo con la Provincia e l'AUSL, ed abbiamo constatato che le richieste d'accesso al servizio (che ricordiamo è pubblico e gratuito) sono in costante aumento e che presto non saremo più in grado di accogliere tutti. Il nostro è un osservatorio particolareggiato che ci permette di constatare l'andamento del problema drammaticamente in estensione come indicato dal crescente numero di persone che ci chiedono aiuto.

A partire dalla nostra conoscenza diretta del problema vi rivolgiamo pertanto questo appello: intervenite subito almeno per arginare il danno su questo territorio! Non aspettate il provvedimento governativo che ancora non sappiamo quando sarà varato e che caratteristiche avrà in conseguenza dei forti interessi economici dello Stato stesso sul gioco d'azzardo. Abbiate coraggio e difendete i vostri concittadini. Voi Sindaci rappresentate la massima autorità sanitaria a livello locale quindi potete adottare dei provvedimenti per la tutela della salute delle popolazioni che vi hanno eletto. Molte azioni possono essere intraprese per contrastare il fenomeno, avete solo l'imbarazzo della scelta: nell'immediato potreste bloccare le autorizzazioni per i nuovi esercizi per il gioco d'azzardo, imporre divieti all'insediamento e all'esercizio di sale giochi in prossimità di luoghi di aggregazione quali scuole, ospedali, Uffici Postali, introdurre limitazioni orarie all'apertura delle sale giochi e degli apparecchi istallati nelle tabaccherie, controllare l'accesso al gioco d'azzardo dei minori, ecc. Ma soprattutto, potreste avviare campagne d'informazione pubblica nel vostro territorio sulle caratteristiche del comportamento compulsivo e sulle conseguenze del gioco, interventi di prevenzione nelle scuole e tra i giovani per renderli emotivamente più forti rispetto all'attrazione esercitata dai vari tipi di giochi e più consapevoli dei propri comportamenti. In altre terre c'è già qualche Sindaco coraggioso che non ha avuto paura delle grandi società che gestiscono il gioco d'azzardo, le quali cercano d'incutere paura con il loro stuolo di avvocati senza scrupoli pronti a presentare richieste miliardarie per danni a chiunque voglia limitare i loro affari. Non tanto lontano da questa terra, qualche Sindaco coraggioso e lungimirante ha già imposto nel proprio Comune delle limitazioni importanti all'accesso al gioco d'azzardo. Il nostro è un grido di dolore insieme a quello di molte persone e di molte famiglie colpite da questo flagello sociale: non aspettate che le leggi nazionali riconoscano il problema, non aspettate che vi ordinino per Decreto d'intervenire, non aspettate lo Stato, non aspettate ancora! Ascoltate invece la vostra coscienza di uomini e di rappresentanti dei cittadini, intervenite nella vostra piccola comunità dimostrando coraggio e responsabilità sociale. Ve ne saremo tutti grati e riconoscenti.


f.to Dott.ssa Anna Rita Giaccone (Neurologa Direttore SerT della AUSL di Viterbo)
f.to Dott. Luca Piras (Sociologo della Provincia di Viterbo esperto in interventi di Self-Help)


 
Cyberpsychology, behavior, and social networking: gioco d'azzardo on line, giovani maschi single più a rischio.
 Tratto da: dronet.org  --  8 maggio 2012
|

Alcuni ricercatori canadesi hanno effettuato uno studio socio demografico per analizzare il rischio di dipendenza da gioco d’azzardo tra i giocatori online e i giocatori tradizionali. Del campione totale di 8.456, 8.363 intervistati non avevano mai giocato online, mentre 111 giocatori avevano giocato almeno una volta negli ultimi 12 mesi. L’età dei soggetti campionati è stata superiore ai 18 anni. I ricercatori hanno osservato che, il 92,8% dei giocatori on–line, avevano comunque giocato anche al di fuori del web. Rispetto ai giocatori tradizionali, i giocatori on–line a rischio, sono risultati per la maggior parte maschi (82% vs 50,3%) giovani con un’età compresa tra i 25 anni e i 34 anni (40,2% vs 15,8%) single (42,6% vs 23,0%) oppure conviventi (30,9% vs 21,8%) e lavoratori a tempo pieno (55,2% vs 52,2%). Secondo lo studio, i giocatori on-line sono maggiormente predisposti a giocare tutti i giochi offerti e soprattutto il poker (66,6% vs 5,4%) ad eccezione della lotteria che invece, risulta il gioco più frequente per i giocatori tradizionali (92,9% vs 77,0%). Le analisi hanno rilevato che, anche i giocatori che scommettono on–line giocano più frequentemente ogni settimana rispetto agli altri (62,3% vs 39,3%). Inoltre, la maggior parte dei giocatori online investe nel gioco d’azzardo tra i $1.001 e $5.000 all’anno rispetto ai giocatori tradizionali che spendono meno di $100 (32,3% vs 35,5%). La ricerca ha evidenziato che più del 50% dei giocatori on-line, hanno dichiarato di fare uso di alcol due o tre volte a settimana. Rispetto ai giocatori tradizionali una percentuale molto significativa superiore di giocatori on–line ha riferito di fare uso di cannabis negli ultimi 12 mesi (32,9% vs 11,3%). Infine i ricercatori hanno suggerito che per meglio chiarire il meccanismo alla base del gioco d’azzardo on line è necessario predisporre ulteriori studi e analisi sui soggetti a rischio.  

 

 


SCORRI le notizie messe in risalto da EMMA (usa i tasti PREC. e PROS. che trovi in fondo alle pagine): potrai ritrovarle qui, anche a distanza di tempo !
 
< Prec.   Pros. >
Advertisement

Eventi e Links

Meetings e Conferenze

EMMA seleziona x voi le notizie di Cultura, Biomedicina, Neuro-Etica, Bio-Etica.


  GADGET in cambio di una generosa donazione 


!! ( LOG IN ) !!


 Clicca qui per essere sempre bene aggiornato su: CONGRESSI, CORSI, Eventi di PARTNERING !!!  .espandi.

-Money mouthCorso ECM "NeuroGAP" sul Gioco d'Azzardo - webpage di riepilogo - ultima edizione a Roma, Luglio 2017  Locandina  

 
   

Clicca qui per "stuzzicare" la coscienza con tematiche etiche emergenti (ad es.: biotecniche, concepimento, dignità, fine-vita),  nonchè gli ultimi clamori in materia di Sperimentazione e Benessere dell'Animale da Laboratorio.

Leggi tutto...
 
Siti web di interesse

Società Scientifiche in Italia.

Associazioni per l'assistenza alle persone con tossicodipendenza e/o malattie psichiatriche.

Leggi tutto...
 
Dibattiti : Hot News
  Al di là della scienza: filosofia, considerazoni sulla mente e sul metabolismo.  
Money mouth "La colonna sonora può modificare il comportamento di azzardo" - 25/09/2014 (leggi).

L'acqua nel cervello degli adolescenti rivela i danni della cannabis - 21/08/2013 (leggi).
Gioco d'azzardo, legge più vicina - 9 luglio 2013

Neurobiologia del gioco d'azzardo patologico - 28/3/2013 (leggi)

Viterbo Provincia, ove dilaga il gioco d'azzardo -
1/9/2012

ADHD nei bambini e gioco d'azzardo negli adulti : Il peso sulla società (leggi). 
Leggi tutto...